EMERGENZA:

due giovani uomini ceceni in pericolo di vita

Due giovani ceceni sono stati arrestati, riconsegnati alle autorità cecene e rimpatriati con la forza. Chiedi al presidente degli Stati Uniti di esigere che la Russia li rilasci.

“Chiedo a chiunque possa farlo, di aiutarmi a rivedere i miei figli vivi e in buona salute”. Zara Magamadova,  madre di Salekh e Ismail


Il Russian LGBT Network ha riferito che la polizia russa, dopo aver fatto irruzione nel loro appartamento, ha arrestato due ragazzi LGBT+ fuggiti dalla Repubblica Cecena. I due ragazzi sono stati riconsegnati alle autorità cecene e rimpatriati con la forza.

Nel giugno dello scorso anno, i due giovani, Salekh Magamadov (20 anni) e Ismail Isayev (17 anni), sono fuggiti dalla Cecenia e si sono trasferiti nella città russa di Nizhny Novgorod. Erano stati arrestati e torturati dalle forze speciali cecene in aprile e maggio 2020 per aver gestito un canale Telegram dell'opposizione e, in seguito, erano stati costretti a registrare un video di scuse.

La loro cattura da parte delle autorità cecene significa che sono in grave e immediato pericolo di vita o di subire ulteriori torture.

Lo stesso giorno in cui Salekh e Ismail sono stati arrestati in Russia, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato un memorandum presidenziale che chiede a tutti i diplomatici degli Stati Uniti di fare di più per proteggere i diritti umani delle persone LGBT+.

Unisciti al nostro appello al presidente Biden e al segretario di Stato Blinken affinché tengano fede a questa promessa e facciano una richiesta immediata al governo russo affinché Salekh e Ismail siano rilasciati illesi.

La vita di due giovani uomini è in pericolo.

Unisciti al nostro appello per il loro rilascio immediato e condividi questa petizione con il maggior numero di persone possibile.

Firme
Obiettivo:  0

Al Presidente Joe Biden e al segretario di Stato Anthony Blinken:

Egregi presidente Biden e segretario di Stato Blinken,

due giovani LGBT+ sfuggiti alla tortura in Cecenia sono stati arrestati dalla polizia russa e consegnati alle autorità cecene.

Ora si trovano in immediato e grave pericolo.

Sono stati arrestati lo stesso giorno in cui è stato pubblicato il memorandum presidenziale sui diritti LGBT+ nel mondo.

Vi chiediamo di tenere fede alla vostra promessa di usare la diplomazia degli Stati Uniti per proteggere i diritti umani delle persone LGBT+ e di sollecitare immediatamente il governo russo affinché rilasci Salekh Magamadov e Ismail Isayev.

"Ci hanno portato nella Repubblica cecena. Durante il viaggio, che è durato due giorni e durante il quale siamo stati sottoposti a violenze fisiche e psicologiche, abbiamo fatto una tappa, e ci hanno portato in una casa sconosciuta. Lì abbiamo passato la notte. Ci hanno sempre tenuto ammanettati".

Dalla testimonianza di Salekh Magamadov (Fonte in inglese

"Io e mio fratello [...], temendo di essere torturati, abbiamo accettato di firmare una testimonianza che non avevamo reso, [...]. La mattina del 7 febbraio ci hanno minacciato e costretto a confessare un crimine che non avevamo commesso. Hanno detto che dovevamo firmare una confessione".

Dalla testimonianza di Salekh Magamadov (Fonte in inglese

"Dopo che ho risposto, il poliziotto mi ha portato in un altro ufficio, mi ha afferrato al petto e mi ha sbattuto due volte contro il muro. Ho dovuto accettare di firmare un accordo con l'avvocato designato. Mi ha anche detto: "Se provi a resistere sono pronto a ucciderti, anche in tribunale. Non sarei un uomo se non lo facessi".

Dalla testimonianza di Salekh Magamadov (Fonte in inglese)

aggiornamento

11 maggio 2022

Oggi una Corte d'Appello in Cecenia ha confermato la sentenza contro i fratelli LGBT+ Salekh e Ismail. Saranno presto trasferiti in colonie penali separate, che combinano la detenzione penale con il lavoro obbligatorio: Salekh è stato condannato a 7 anni (più 1 anno di carcere) e Ismail a 6 anni.

La loro famiglia ritiene che i fratelli siano perseguitati per la loro identità e le loro idee politiche. I nostri partner e gli avvocati dei fratelli presenteranno un ricorso alla Corte di Cassazione e continueranno a lottare per ottenere giustizia.

Firma e condivide la petizione per dimostrare la tua solidarietà a Salekh e Ismail.

22 febbraio 2022

Oggi, un tribunale ceceno ha condannato Salekh e Ismail, due fratelli LGBT+, a 8 e 6 anni di carcere per aver presumibilmente fornito del cibo a un membro di un gruppo armato illegale. Ma l'accusa si basa su una testimonianza falsa che Salekh e Ismail dicono di essere stati costretti a firmare dopo essere stati torturati. I due ragazzi si sono dichiarati non colpevoli e hanno insistito sulla loro innocenza, ma senza successo. Gli avvocati dei fratelli ricorreranno in appello contro la decisione della corte e continueranno a lottare per ottenere giustizia.

Dobbiamo aumentare la pressione ora. Firma e condividi la petizione per aiutare Salekh e Ismail a combattere per avere giustizia.

26 gennaio 2022

La Corte Suprema della Repubblica Cecena ha rifiutato di trasferire il caso di Salekh e Ismail a un tribunale più imparziale all'interno della Federazione Russa. I due giovani ceceni hanno sostenuto questa richiesta con uno sciopero della fame di 12 giorni, ma il tribunale ceceno non ne ha tenuto conto.

6 gennaio 2022

Una nuova udienza ha esteso la detenzione preventiva di Salekh e Ismail fino al 27 marzo 2022. A causa delle condizioni di salute critiche e del negato accesso alle visite mediche, Salekh e Ismail hanno dovuto interrompere il loro sciopero della fame.

21 dicembre 2021

Dopo essere stati detenuti per più di 10 mesi e minacciati di “delitto d'onore” alla televisione cecena, Salekh e Ismail hanno iniziato uno sciopero della fame per chiedere che il loro caso venga trasferito a un tribunale più imparziale. (Fonte in inglese)

19 novembre 2021

Si è svolta la prima udienza. Salekh e Ismail rischiano fino a 15 anni di carcere per aver presumibilmente consegnato del cibo a un membro di un gruppo armato illegale. Il giudice ha rifiutato la loro richiesta di trasferire il caso a un altro tribunale più imparziale.

16 ottobre 2021

Il Comitato investigativo ceceno ha rifiutato di indagare e di avviare un procedimento penale sulle accuse di tortura a Salekh e Ismail.

13 settembre 2021

Il centro per i diritti umani "Memorial" ha dichiarato Salekh e Ismail "prigionieri di coscienza" e il loro caso politicamente motivato. (Fonte in inglese)

19 agosto 2021

L'avvocato di Salekh e Ismail conferma: i due sono stati torturati.

«Mi ha riempito di pugni in faccia e sul corpo, e un’altra volta ha cercato di strangolarmi», ha detto Ismail.

«Mi hanno fatto allargare le gambe il più possibile e poi mi hanno picchiato per ore», ha detto Salekh. (Fonte in inglese)

21 aprile 2021

Sei esperti indipendenti delle Nazioni Unite per i diritti umani, tra cui l'esperto indipendente delle Nazioni Unite sull'orientamento sessuale e l'identità di genere, hanno firmato una lettera al governo russo in merito all'arresto e alla detenzione arbitraria di Salekh e Ismail. (Fonte in inglese)

23 marzo 2021

Le autorità cecene hanno trattenuto per alcune ore almeno venti parenti di Ismail e Salekh: volevano sapere dove fossero i loro genitori per costringerli a tornare in Cecenia. (Fonte in inglese)

9 febbraio 2021

Ned Price, il primo portavoce apertamente gay del Dipartimento di Stato USA, ha espresso preoccupazione per la sorte di Salekh e Ismail. (Fonte in inglese)

Questo è un primo passo, ma dobbiamo aumentare la pressione. Firma e condividi la petizione adesso.

7 febbraio 2021

Ancora prima che ci fossero delle accuse ufficiali contro Salekh e Ismail, il ministro della stampa ceceno Akhmed Dudayev ha dichiarato ai media che i due fratelli appoggiavano un "gruppo armato illegale" e che avevano già "confessato". Pochi giorni dopo, è stata presentata un'accusa ufficiale contro i due fratelli.

4 febbraio 2021

Quando il Russian LGBT Network ha scoperto che i due ragazzi erano stati arrestati, ha immediatamente dato la notizia.

CONDIVIDI QUESTA CAMPAGNA

Questa campagna è stata condotta in collaborazione con